Utente non Registrato

I Navigli

Castano Primo

Centro di pianura, di 11.026 abitanti, che accanto alle tradizionali attività agricole, ormai in declino, ha sviluppato il tessuto industriale; discreta è la presenza dei servizi. Citata per la prima volta in un documento degli inizi dell’ottavo secolo, deriva probabilmente il toponimo dal latino SILVAE CASTANEAE, ‘selve di castagni’, in riferimento alla folta vegetazione in passato esistente nella zona. L’aggettivo Primo fu aggiunto nel 1863, per distinguerla dall’omonimo comune pavese. Dopo aver fatto parte, nel corso dell’alto Medioevo, del contado di Bulgaria, nella seconda metà del XII secolo entrò tra i possedimenti dei conti di Biandrate, venendo concessa un secolo dopo dal comune di Milano ad Alberto Cane.

Nel Trecento fu coinvolta nelle lotte tra diverse nobili famiglie, passando poi sotto il dominio del Visconti, che ne conservarono il possesso fino al 1447 quando, con l’avvento della signoria sforzesca, fu infeudata a vari signori, tra cui i Panigarola, i Terzaghi, i Viscardi e i Pusterla. Nel 1662 fu distrutta durante le guerre tra i francesi da un lato e gli spagnoli e gli austriaci dall’altro e, rimasta fino alla prima metà del XVIII secolo alla famiglia dei Brignano, fu in seguito concessa da Carlo VI ad Antonio Nuno de Portugal de la Puebla. Durante il dominio asburgico fu annessa alla provincia di Gallarate, ritornando in mano austriaca al termine dell’invasione napoleonica e partecipando attivamente ai moti risorgimentali.

Corso Roma - Castano Primo (MI)protocollo@pec.comune.castanoprimo.mi.it0331888010331877082http://comune.castanoprimo.mi.it/