Utente non Registrato

I Navigli

Cassano d’Adda

Cittadina di pianura, di 18.781 abitanti, che accanto alle tradizionali attività agricole ha sviluppato il tessuto industriale e incrementato i servizi. Deriva il toponimo dal nome romano CASSIUS o dalle espressioni “casa sana”, “tre case” o al cartaginese Chazan, ‘magazzino’, perché qui, al tempo delle guerre puniche, vi sarebbe stato un deposito cartaginese di vettovaglie. Per la sua grande importanza strategica, nelle vicinanze di Milano e lungo il corso dell’Adda, è stata teatro di scontri e battaglie fin da tempi antichi: si racconta di un combattimento svoltosi in questa zona tra i romani e i galli insubri.

Verso la metà del XII secolo vi si affrontarono le truppe milanesi e l’esercito del Barbarossa e, un secolo dopo, i Visconti vi sconfissero i Torriani. Nel 1450, con l’avvento degli Sforza, il suo castello, di epoca carolingia, divenne una delle roccaforti milanesi a difesa del confine con la repubblica veneta. Dopo aver fatto parte, nel IX secolo, delle proprietà degli arcivescovi di Milano, nella prima metà del 1500 fu elevata a marchesato e infeudata da Carlo V ai D’Adda, cui subentrarono i Castaldi, che ne conservarono il possesso fino al 1752, quando fu assegnata ai Bonelli, i quali, a loro volta, la cedettero al marchese Gian Francesco D’Adda.

Via A. Manzoni, 9 - Cassano d'Adda (MI)protocollo@comune.cassanodadda.mi.legalmail.it0363366011036364422http://www.comune.cassanodadda.mi.it/