Utente non Registrato

I Navigli

Bereguardo

Comune di pianura, di 2.816 abitanti, la cui economia si fonda principalmente sulle tradizionali attività agricole e zootecniche, affiancate da una modesta presenza del settore industriale. Sorta probabilmente all’epoca delle invasioni di longobardi e franchi, forse deriva il toponimo da “Bel riguardo” o dalla forma francese “Beauregarde”.

Fu comunque sotto i Visconti che il borgo si sviluppò, grazie anche all’intensificarsi degli scambi commerciali lungo il Ticino, nel tratto compreso tra Milano e Pavia, che portarono nel 1457 alla costruzione del Naviglio di Bereguardo, un canale che, derivando dal Canal Grande e attraversando questo territorio, si diramava verso il Ticino e il Naviglio di Pavia. Al termine della signoria viscontea passò agli Sforza, venendo infeudata da Francesco Sforza, sul finire del XV secolo, dapprima a Matteo Marcagatti, in cambio della rinuncia alle sue mire espansionistiche su Sant’Angelo Lodigiano, e in seguito ai Mauruzi da Tolentino, che conservarono parte di queste proprietà fino alla metà del 1600 e parte fino al 1800.

Via Castello, 2 - Bereguardo (PV)comune.bereguardo@pec.provincia.pv.it 03829281940382930547http://www.comune.bereguardo.pv.it/

Punti di interesse

  • Chiesa di S. Antonio Abate La Chiesa Parrocchiale, dedicata a S. Antonio Abate, sorge sull’area un tempo occupata da una cappella fatta costruire dai Visconti nel 1425. L’edificio attuale fu
    Leggi di più
  • Ponte delle barche Il ponte è uno degli ultimi e rarissimi esempi di ponte di chiatte in Italia. Costruito come opera provvisoria alla fine dell’ottocento, resistette ad entrambe
    Leggi di più
  • Castello Visconteo Il grande quadrato del castello, cinto a sua volta da un più grande quadrato recintato (bassa corte), è ubicato sopra un terrazzamento naturale del Ticino.
    Leggi di più