Utente non Registrato

I Navigli

Albairate

Centro di pianura, di 4.663 abitanti, che ha affiancato alle tradizionali attività agricole varie iniziative industriali. Le sue origini sono antichissime: i primi insediamenti nella zona, il cui toponimo deriva dal latino ARBORETUM, con chiaro riferimento alla folta vegetazione che un tempo ricopriva queste terre, vanno riportati infatti ai liguri, come testimoniato dal rinvenimento di una necropoli contenente varie urne cinerarie risalenti al 1000 a.C.; a questi subentrarono, nel VI secolo a.C., stanziamenti di galli e in seguito di romani.

Nel secolo X si cinse di mura, per difendersi dalle invasioni degli ungari, e fu devastata nel Duecento, nel corso delle lotte tra Federico Barbarossa e Federico II da un lato e i comuni aderenti alla famosa lega lombarda dall’altro. A queste guerre seguirono quelle per la signoria su Milano tra le famiglie dei Torriani e dei Visconti, che si protrassero fino al 1313, quando si affermò definitivamente il dominio di questi ultimi. Verso la metà del XV secolo, ai Visconti, sotto i quali il borgo aveva ottenuto l’indipendenza amministrativa, subentrarono gli Sforza. Al termine della signoria sforzesca, seguendo le sorti di tutto il Milanese, fu occupata dagli spagnoli, cui seguirono gli austriaci e i francesi, divenendo teatro di scontri tra le truppe franco-sarde ed austriache nel 1859, durante la seconda guerra d’indipendenza.

Via Battisti, 2 - Albairate (MI)comune.albairate.mi@pec.it0294981310294981324http://www.comune.albairate.mi.it/

Punti di interesse

  • Chiesa di San Giorgio Ricostruita nel 1938 sulle tracce della precedente che risaliva al 1592, conserva notevoli decorazioni interne ad opera del pittore Antonio Martinotti: l’Ultima Cena nell’abside, la
    Leggi di più
  • Museo Agricolo Angelo Masperi Inaugurato nel dicembre del 2003 e intitolato all’ex Sindaco di Albairate Angelo Masperi, il Museo Agricolo si trova presso la Cascina Salcano, in un'ala originariamente
    Leggi di più
  • Oratorio di San Bernardo Costruito nel 1641 su pianta firmata da Francesco Maria Richino, una delle figure più rappresentative del barocco lombardo, è stato rimaneggiato nel secolo scorso. Fu
    Leggi di più