Utente non Registrato

I Navigli

Ossario e Monumento alla Battaglia di Magenta

Mag.8

Non lontano dalla linea ferroviaria Milano-Torino, si trova oggi un sacrario dedicato ai caduti della Battaglia di Magenta (1859). La struttura, costruita in un grande parco, è costituita da un massiccio obelisco dall’aspetto severo. È composta da quattro facciate uguali guardanti i quattro punti cardinali. L’architetto fu il milanese Giovanni Brocca. I lavori, cominciati nel 1861, vennero terminati nel 1872 quando tutte le ossa dei combattenti sparse lungo l’alzata della ferrovia, vennero raccolte e collocate definitivamente nel sotterraneo del monumento. Una bella gradinata in pietra beola conduce alle porte d’ingresso. Gli stipiti delle porte, delle finestre e dei bassorilievi sono in pietra di Viggiù. Su ogni facciata il primo bassorilievo presenta emblemi militari, il secondo cinque corone d’alloro. Si accede all’interno per quattro porte sormontate da una figura di donna che distribuisce corone d’alloro. L’interno ha forma di croce latina: le pareti sono ricoperte di lapidi di bronzo con i nomi dei caduti francesi. Nel mezzo del pavimento si apre un foro circolare: da esso si scende nella cripta sotterranea le cui pareti sono tappezzate da ossa umane. Una scala praticata nello spessore del pilastro, conduce alla sommità dell’edificio da dove si può godere uno stupendo panorama della città. Il complesso venne inaugurato nel 1904 da Vittorio Emanuele III e nel 2009, in occasione dei 150 anni della battaglia, è stato completamente ristrutturato con il parco circostante.

via Giovanni Brocca - Magenta www.comune.magenta.mi.it