Utente non Registrato

I Navigli

Bussero

Centro di pianura, di 8.645 abitanti, la cui economia si fonda sulla positiva compresenza di attività di tipo agricolo e di tipo industriale. Citata per la prima volta in una mappa della metà del IX secolo, ha origini più antiche, stando al ritrovamento nella zona del frammento di un sarcofago di epoca romana. La sua fama, nei secoli successivi, fu legata ad una nobile famiglia del luogo, quella dei da Bùssero, tra i cui esponenti si ricorda soprattutto Goffredo che, verso la fine del Duecento, compilò il famoso Liber Notitiae Sanctorum Mediolani, un elenco di tutte le chiese e i Santi della diocesi di Milano.

Nel corso del Medioevo appartenne alla pieve di Gorgonzola, che sul finire del XIV secolo venne separata dal contado della Martesana dal duca Galeazzo Visconti e posta sotto l’autorità del podestà di Milano. Inserita nel contado di Melzo, fu infeudata a più famiglie, tra cui i Trivulzio, ritornando alla Camera Ducale a seguito dell’estinzione di questa casata. Dopo essere stata assegnata ai conti Olgiati, sul finire del Settecento pervenne ad Antonio Greppi, non facendo registrare successivamente eventi di particolare rilievo.

Piazza dei Diritti dei Bambini, 1 - Bussero (MI)protocollo.bussero@pec.it 02953331029533337http://www.comune.bussero.mi.it/

Punti di interesse

  • Villa Casnati Localizzata nel cuore del nucleo storico, Villa Casnati è uno degli edifici più antichi di Bussero. Il complesso dovrebbe essere anteriore al 1541. Nel 1917
    Leggi di più
  • Villa Radaelli Si hanno notizie certe della presenza del complesso di Villa Radaelli in Bussero dalla mappa catastale di Carlo IV al foglio cinque che risale al
    Leggi di più