Utente non Registrato

I Navigli

Trezzo sull’Adda

Cittadina di pianura, di 12.225 abitanti, che, accanto alle tradizionali attività agricole, ha sviluppato il tessuto industriale e commerciale. Le sue origini sono anteriori all’occupazione romana, durante la quale fu chiamata Tritium: infatti, i primi insediamenti nella zona, stando ai rinvenimenti archeologici, sembrano risalire ai galli insubri. Dopo la caduta di Roma subì le invasioni barbariche, tra le quali particolarmente significativa fu quella dei longobardi, che vi costruirono un castello per il controllo dell’Adda. Questo, più volte distrutto e ricostruito nel corso delle lotte tra i comuni lombardi e l’imperatore Federico Barbarossa e di quelle fra i Torriani e i Visconti.

Entrata tra i possedimenti dei Colleoni prima dell’avvento della signoria sforzesca, verso la metà del Quattrocento venne infeudata, con il territorio circostante, ai Villani, cui subentrarono, durante la dominazione spagnola, i conti Cavenaghi. Tra le tante leggende sorte attorno al castello merita di essere ricordata quella secondo la quale Leonardo da Vinci vi avrebbe dipinto la Gioconda.

Piazza Roma, 5 - Trezzo sull'Addaprotocollo@pec.comune.trezzosulladda.mi.it  029093310290933270http://www.comune.trezzosulladda.mi.it/

Punti di interesse

  • Castello Visconteo Il Castello Visconteo fu costruito nel 1300, per volere di Bernabò Visconti, accanto ad una rocca che la tradizione vuole edificata dalla regina Teodolinda. Questa
    Leggi di più
  • Centrale Taccani La centrale idroelettrica di Trezzo, voluta da Cristoforo Benigno Crespi, proprietario della fabbrica tessile di Crespi d’Adda, doveva inserirsi nell'ambiente originario senza creare stridenti contrasti.
    Leggi di più
  • Chiesa di San Gervasio e Protasio La chiesa, di cui si hanno notizie dal 1414, ha subito profondi e ripetuti restauri che ne hanno alterato il volto originario. Gli interventi più
    Leggi di più
  • Oratorio di San Rocco La chiesa risale alla fine del '500, ed è legata storicamente alle vicende della grande peste del 1576. Infatti sembra fosse affidata ad una confraternita
    Leggi di più
  • Villa Gina Oggi sede del Parco Adda Nord, la nobile dimora, che svetta su uno scenografico dirupo di rocce affacciato all’Adda e alla Martesana, cambiò più volte
    Leggi di più