Utente non Registrato

Scoprire

Casa Giacobbe

Mag.7

Le prime notizie della villa risalgono al 1664 quando l’edificio, già di proprietà della famiglia Borri di Corbetta, fu ipotecato a favore di Clara Pedra Borgazzi a garanzia dei numerosi debiti che Francesco Borri aveva contratto nei confronti della nobildonna milanese. Nel 1690 Maddalena Borri, erede di Francesco, cedeva definitivamente la proprietà a Carlo Domenico Borgazzi, figlio ed erede di Clara Petra. L’edificio si articolava su più corpi di fabbrica: un’antica parte della casa (non più esistente) si prospettava sull’attuale via 4 giugno con un portone d’ingresso dal quale avevano accesso le carrozze.

Disposta su due piani, la costruzione comprendeva una legnaia ed un fienile collocati a destra del portone; una scala conduceva ai piani superiori dove si trovavano alcune camere. Un secondo corpo di fabbrica (l’attuale Casa Giacobbe), era posto perpendicolarmente ai locali d’ingresso secondo uno schema ad “L”, caratterizzato al piano terra da un portico sul quale si apriva il salone principale della villa, caratterizzato da un bellissimo camino in pietra scolpita raffigurante il mito di Orfeo e lo stemma della casata dei Borri. A sinistra di questo si trovavano due sale adibite a cucina e lavanderia. Il piano superiore era occupato dalle camere. Un terzo corpo di fabbrica oggi distrutto accoglieva invece un torchio con una torretta che fungeva da colombaia. Attualmente la villa è di proprietà comunale e viene usata per mostre e conferenze.

via 4 Giugno, 78 - Magenta