Utente non Registrato

Chiesa di San Paolo di Val di Nizza

Le prime notizie risalgono al 794 quando Carlo Magno donò la Chiesa al monastero di Bobbio.
Nel 1939 vennero aggiunte due navate a quella già esistente e fu costruita la facciata con conci di arenaria grossolana lavorata a scalpello. Le parti basale ed apicale sono costituite da arenaria più fine, sulla quale è possibile già osservare i segni del tempo.
L’interno della Chiesa conserva un sopraltare in legno dorato a forma di facciata di cattedrale, con colonnine e statuette; sullo sportello del tabernacolo è scolpito Gesù che cade sotto la croce (fine sec. XVI – inizio sec. XVII).
Nella sacrestia si conservano belle pianete ed un calice lavorato a sbalzo (sec. XVIII).