Utente non Registrato

Ponte sul Ticino

Tur.3

Il primo progetto, presentato nel 1864, prevedeva la costruzione di un ponte in muratura su cinque arcate. Nel 1865 tale soluzione veniva scartata a favore di un ponte in travate metalliche. La consegna dei lavori avvenne nel 1882, la loro ultimazione nel 1887. Il ponte venne, poi, distrutto nel corso della seconda guerra mondiale dai bombardamenti alleati e ricostruito, sempre in ferro, nel 1952. Il ponte attuale, lungo 145 metri, è composto da 3 campate in ferro che poggiano su due spalloni sulle sponde e due pile in alveo. Ha due livelli, quello inferiore per il traffico stradale (ss 341), e quello superiore per il treno (Ferrovie Nord Milano).

Ad est dell’attuale manufatto sulla sponda lombarda è stato riportato alla luce il basamento che sosteneva un ponte sublicio (di legno) costruito intorno all’anno 1000 sul tracciato viario Mediolanum-Novaria (Milano-Novara) e Comum-Sibrium-Novaria (Como-Castelseprio-Novara).Il ponte venne distrutto nel 1275 e da allora non venne più ricostruito, utilizzando per il passaggio del fiume il cosiddetto “porto natante” (traghetto ancorato ad una fune che si spostava da riva a riva utilizzando la forza della corrente).